Se vi chiedessi a bruciapelo, senza guardare su Internet o sul vostro calendario, che cosa si celebra il primo sabato di Settembre, sapreste rispondermi?

In tutta franchezza, con una ricorrenza diversa ogni fine settimana dell’anno ed in ogni angolo del Globo, non è semplice rispondere al mio quesito. Sicuramente dal titolo dell’articolo avrete capito che si tratta del World Beard Day .

Ebbene sì ragazzi, una intera giornata per la celebrare le nostre barbe.

Ma da dove prende origine questa festa della barba; in Danimarca specialmente, nel 800 d.C, il possente popolo vikingo insistuì tutto ciò, anche se in realtà non era un vero e proprio giorno dell’anno, bensì veniva scelto casualmente e il modo di celebrarlo al meglio era andare a fare razzia nelle città, nei paesi e nei villaggi limitrofi; certamente un modo un pò grottesco e pagano di far festa, ma la indole guerriera ha fatto loro scegliere questo modo.
Vi starete chiedendo cosa fare in questa giornata speciale, ebbene io per prima cosa vi posso dire cosa non fare, è assolutamente vietato radersi perchè sarebbe irrispettoso; ma in realtà sono molte le cose che si possono fare e che vengono organizzate in molte parti del Mondo, anche se, ahimè, in Italia ancora non ci sono vere e proprie celebrazioni.

Riposati: un campo che è rimasto in riposo fornisce un abbondante raccolto.

Ecco la prima cosa che davvero si merita un barbuto durante il WBD; una giornata di totale relax da passare con famiglia ed amici; quale miglior idea se non organizzare una grigliata a base di carne alla brace, hot-dog, hamburger e bere birra o vodka, tutti cibi e bevande virili che nobilitano la vera essenza dell’uomo barbuto.

Dopo aver mangiato e ben bevuto è tempo per il divertimento e le risate in compagnia; vengono organizzate partite a freccette dove al posto dei canonici numeri troviamo in realtà la foto di un uomo senza barba da sbeffeggiare; i più pigri invece potranno fare una partita a Dungeons & Dragons o per finire, attentare al record che resiste dal 2014 di Piramide Umane composta da ben 22 barbuti.

I più sportivi potranno anche organizzare dei veri e propri eventi sfidando degli imberbi, che ovviamente partiranno con degli handicap stabiliti dalla squadra barbuta; qualche esempio? Avranno le mani legati, saranno bendati, l’arbitro sarà un barbuto (quindi chiaramente di parte) o, perchè no, la squadra avversaria sarà interamente composto da bambini.

Come vedete gli amici oltre Oceano organizzano cose davvero goliardiche, ma facciamo un salto nel Vecchio Continente e facciamogli vedere di cosa siamo capaci noi europei.

Nel sud della Spagna vengono organizzati degli incontri di boxe, sport certamente virile che si addice ad un barbuto, ma la sorpresa è che il suo avversario (senza barba come tradizione vuole) sarà dotato di guantoni mentre il barbuto sarà armato.

La scandinavia, legata alla sua tradizione vichinga, tra tutte le manifestazioni organizzate, di sicuro è quella che ne simula una vicina alle proprie radici; nell’antico villaggio di Donskborg in Svezia, gli abitanti privi di barba vengono allontanati per 24 ore dal proprio villaggio e mandati nella foresta più vicina, al loro ritorno per rendere pubblica la vergogna le effigi della famiglia verranno bruciate.

Che cosa accomuna tutto il Mondo durante il WBD?

Sicuramente, per chi ne ha la possibilità, le cose più belle da fare sono l’organizzazione di una vera e propria parata per le strade della propria città mettendo in mostra con fierezza le proprie barbe o anche dei meeting di gruppi barbuti. La cosa di sicuro fondamentale è stare insieme e divertirsi, sempre senza scordarci il difficile periodo che stiamo vivendo, ma cercando almeno per un giorno la sola spensieratezza nel vivere una passione comune.

E voi ragazzi, come avete intenzione di trascorrere il vostro World Beard Day?

Barba

Rispondi