Navigando sui social mi sono posto una domanda curiosa: Cosa potranno mai avere in comune il mondo delle Suicide Girls e quello dei barbuti?

La risposta che mi son dato in modo più immediato ed efficace è il superamento dei canoni estetici classici e del pregiudizio basato sulla esteriorità. Sono passati già 20 anni dalla genesi di questo movimento che aveva come intento originario il ‘mostrare belle ragazze punk nude’. Questa idea nacque affinchè le ragazze potessero esprimere e autodeterminare liberamente la propria sessualità, scavalcando i clichè che si proponevano nei diversi anni, passando dalle bellezze alte e magrissime fino alle supermaggiorate dai capelli e trucco perfetti.

Photo: Fabio Carletti

Questo principio di autoderminazione di bellezza e fascino, che si va a mescolare al benessere di ogni singola ‘Suicide Girl’ , ha reso possibile l’impossibilità di catalogazione ed etichetta; ragazze dark, punk, indie ed alternative in generale con omaggi rivisitati alle pin-up fatto anche di capelli colorati, dreadlocks, piercing e tatuaggi.

Ma io vedevo intorno a me così tante donne bellissime e completamente escluse dagli ideali estetici della società. Volevo che avessero un posto tutto per loro, in cui emergere, essere loro stesse, ed essere apprezzate per la loro bellezza e unicità.

Con queste parole Missy Suicide descrive la nascita del sito e l’inizio di un movimento che ogni giorno si arricchisce di ragazze libere di mostrarsi e di interagire via social con i sempre più numerosi fan; non facciamoci spaventare poi dalla scelta ad impatto del nome, perchè non è un inno a gesti estremi, ma la scelta del termine ‘suicide’ è rivolta alla caduta del caduta del conformismo e degli stereotipi di bellezza.

Se ora estrapoliamo tutti questi concetti, ritroviamo anche gli stessi principi fondamentali che hanno portato alla nascita del nostro movimento barbuto come vi abbiamo raccontato nel nostro articolo Barba, che passione! . Anche per noi i pregiudizi e gli stereotipi di bellezza maschile son caduti, lasciando spazio al fascino dell’uomo con la barba.

Photo: Mattia Landotti

Abbiamo incontrato Arrow_Escobar Sgh, una italianissima Suicide Girl Hopeful, ovvero una aspirante SG ufficiale, che potete trovare su Instagram e sul sito ufficiale di Suicide Girl con il nick name con cui si è presentata a noi per raccontare la sua storia e questo Mondo affascinante ed alternativo.

Se dovessi raccontare cosa mi ha spinta al mondo del nudo artistico, del nudo erotico e del nudo in generale come il mondo di Suicide Girl , non saprei da dove cominciare.

Queste le parole di una ragazza molto timida, riservata e solitaria che ad un certo punto della propria vita ha sentito parlare di SG proprio nell’esatto momento in cui sentiva la necessità di un cambiamento radicale per sè stessa. La adolescenza ha segnato tanti di noi che in questo momento stiamo scrivendo e leggendo questo articolo; il ‘bullismo’ e la emarginazione sociale verso chi si etichetta come diverso’ basandosi su stereotipi arreca certamente sofferenza in una età in cui si sta sviluppando il proprio carattere e la propria personalità.

Photo: Umberto Montrezza

Purtroppo la conseguenza è il faticare ad accettare sè stessi che sia per un carattere ribelle, un look inneggiante al punk e un aspetto fisico magari non prorompente, ma il messaggio forte e chiaro che vuole lanciare Arrow_Escobar è fare sempre quello che piace, per sentirsi bene con sè stessi in modo tale da stare bene anche con gli altri; vivere questo Mondo SG e social con il sorriso, superando la timidezza.

Il consiglio che voglio dare a chi volesse entrare a far parte delle SuicideGirl è farsi consigliare bene da chi già ne fa parte e viverlo come una esperienza fondamentale di autoconsapevolezza.

Queste parole racchiudono la volontà di scavalcare quelle invisibili barriere che la gente alza, perchè in ognuno di noi c’è quella parte fragile e sensibile che spegne il sorriso che dovrebbe illuminare la vita e le giornate, la parte fondamentale è accettarsi e piacersi, con i propri pregi e difetti…questo è il successo più grande che si può conquistare.

Sotto questo aspetto anche noi barbuti dobbiamo imparare a portare e curare le nostre barbe per piacere a noi stessi, accomunati dallo stesso stile alternativo con le SG.

Barba

Rispondi